Domanda-Risposta FAQ

**** Obbligo Lavoratore Autonomo o Impresa Familiare di corso Formazione Macchine

anche il titolare artigiano senza dipendenti necessita di corsi  per l'utilizzo di cestello montato su autocarro

Accordo Statao Regione 22-02-2012 sull'individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori

Il presente accordo costituisce attuazione dell'articolo 73, comma 5 del D.Lgs. n. 81/2008,ove si demanda alla Conferenza Stato, Regioni e Province autonome l'individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali é richiesta una specifica abilitazione degli operatori, ivi compresi i soggetti di cui all'articolo 21, comma 1 del D.Lgs. n. 8112008, e delle modalità per il riconoscimento di tale abilitazione nonché la individuazione dei soggetti formatori, della durata, degli indirizzi e dei requisiti minimi di validità della formazione.

 

Dlgs 81/08 - Articolo 21 - Disposizioni relative ai componenti dell’impresa familiare di cui all’articolo 230-bis del codice civile e ai lavoratori autonomi

1. I componenti dell’impresa familiare di cui all’articolo 230-bis del codice civile, i lavoratori autonomi che compiono opere o servizi ai sensi dell’articolo 2222 del codice civile, i piccoli imprenditori di cui all’articolo 2083 del codice civile e i soci delle società semplici operanti nel settore agricolo devono:

a) utilizzare attrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al titolo III;

b) munirsi di dispositivi di protezione individuale ed utilizzarli conformemente alle disposizioni di cui al titolo III;

c) munirsi di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le proprie generalità, qualora effettuino la loro prestazione in un luogo di lavoro nel quale si svolgano attività in regime di appalto o subappalto.

La facoltà di cui al seguente articolo viene superata dall'obbligo dell'accordo del 22-02-2012 sulla formazione macchine , in particolare cumulandosi sulle responsabilità dei noleggiatori e Responsabili di cantiere .

2. I soggetti di cui al comma 1, relativamente ai rischi propri delle attività svolte e con oneri a proprio carico hanno facoltà di:

a) beneficiare della sorveglianza sanitaria secondo le previsioni di cui all’articolo 41, fermi restando gli obblighi previsti da norme speciali;

b) partecipare a corsi di formazione specifici in materia di salute e sicurezza sul lavoro, incentrati sui rischi propri delle attività svolte, secondo le previsioni di cui all’articolo 37, fermi restando gli obblighi previsti da norme speciali.

 

*** Parere CPT Torino - Comitato Paritetico su abilitazione ad effettuare Indagine Supplmentare DM 11-04-2011

COMITATO PARITETICO TERRITORIALE per la PREVENZIONE INFORTUNI l’IGIENE e l’AMBIENTE di LAVORO di TORINO e PROVINCIA

INDICAZIONI e ORIENTAMENTI per l’APPLICAZIONE  DEL D.M. 11 APRILE 2011 RELATIVO  alle VERIFICHE PERIODICHE delle ATTREZZATURE di cui all’ALLEGATO VII del D.Lgs. 81/2008

Versione del 21 settembre 2012

DM 11-04-2011 Allegato II Art. 2 lett. c

Indagine supplementare

L’indagine supplementare riguarda le gru mobili, le gru trasferibili e i ponti sviluppabili su carro ad azionamento motorizzato ed è finalizzata ad individuare eventuali vizi, difetti o anomalie prodottisi nell’utilizzo delle attrezzature di lavoro messe in esercizio da oltre 20 anni, nonché a stabilire la vita residua in cui la macchina potrà ancora operare in condizioni di sicurezza con le eventuali relative nuove portate nominali.

L’indagine supplementare è a carico del datore di lavoro e deve essere affidata a un tecnico in grado di applicare le pertinenti norme tecniche.

La norma UNI ISO 9927-1: 1997, che regolamenta le ispezioni da eseguire sugli apparecchi di sollevamento, individua la figura dell’ ”ingegnere esperto” definendolo soggetto pratico in progettazione, costruzione o manutenzione, con conoscenza delle relative norme, dotato dell’attrezzatura necessaria per effettuare le ispezioni per verificare la condizione di sicurezza dell’attrezzatura e che decide quali misure devono essere adottate per consentirne un ulteriore funzionamento sicuro: si ritiene che l’incarico di eseguire l’indagine supplementare debba essere affidato a un ingegnere esperto così come definito precedentemente ed è opportuno che sia .

abilitato a norma di legge all’esercizio della professione ( iscritto all'Albo professionale Ingegneri e nell'elenco collaudatori strutture matalliche )

È necessario che l’indagine supplementare sia eseguita prima della scadenza dei 20 anni dalla messa in esercizio affinché le relative risultanze possano essere esibite nel corso delle verifiche periodiche.


OLTRE 20 ANNI DI SERVIZIO / ANNO COSTRUZIONE  per

-  Gru a torre

-  Autogru

-  Gru su autocarro

-  Sollevatori telescopici semoventi

- Carrelli elevatori semoventi a braccio telescopico

-  Piattaforme Elevabili Aeree  PLE - cestelli

-  gru a portale semoventi

- gru - autogru semovente

-  altre tipologie ....

EFFETTUIAMO LE PERIZIE E SOPRALLUOGHI IN TUTTA ITALIA   !!

SCRIVETECI : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. -   contattaci 

L' “ ISPEZIONE APPROFONDITA ” ( Punto 7 della norma ISO 9927-3:2005) PUO' ESSERE EFFETTUATA SOLO DA PARTE DELL’INGEGNERE ESPERTO (Punto 5.2.2 della norma UNI SO 9927-1 ) e sua PERIODICITÀ .

I ns. Tecnici sono Ingegneri Collaudatore iscritto all’Albo professionale , con la qualifica ed esperienza richiesta dalla Norma UNI ISO 9927-1 punto 5.2.2. e tecnico II livello UNI EN 473 VT-PT-MT-UT sui Controlli Non Distruttivi - CND -

avvalendosi di attrezzatura portatili anche in quota per controlli Visivi  ( lenti ingrandimento , videoscopio KS Tools con cavo semirigido e/o flessibile a sonda orientabile con luce led per indagine interna o difficilmente accessibile , binocoli e cannocchiali per controllo visivo a distanza , spessimetri , kit pulizia superfici , microscopio ) ,

giogo magnetico per magnetoscopia e rilevatore ultrasonoro digitale RDG 2000 Gilardoni SpA per i controlli ad ultrasuoni su spessori , continuità di spessore , ossidazione  e cricche su saldature , ecc....  ( abilitati per accesso in quota )

direttamente nei Vs. cantieri / stabilimenti in tutta Italia .

 

** Verifiche periodiche - Strutturali - Cicli di vita residui

Maggio 2010 - da ISPESL e Regione Lombardia , indicazioni operative e procedurali , secondo il D.Lgs 81/08 ed aggiornate al D.Lgs. 106/09 , relative alla sicurezza impiantistica di macchine e attrezzature impiegate nei luoghi di lavoro : impianti elettrici , apparecchi di sollevamento e a pressione

 

 

Una utile guida a seguito del DM 11-04-2011 sulle Indagini supplementari - calcolo cicli di vita residui - verifica strutturale  (  decennale - ventennale ) , quale  decreto attuativo DLgs 81/08  .

 

 

Ci occupiamo di Servizi di gestione pratiche ISPESL - ASL

e verifiche annuali Registro di Controllo

ed "Ispezione APPROFONDITA" (Punto 7 UNI ISO 9927-3:2005)

da parte di INGEGNERE ESPERTO  (Punto 5.2.2 norma UNIIOSO  9927-1)

in tutta Italia

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

O "CONTATTACI"

 

 

*** D.Lgs. 106/09 del 03 Agosto 2009

Al Responsabile della Sicurezza Aziendale e delle attrezzature. 

Come noto il 20 Agosto 2009 è operativo il D.Lgs. 106/09 che ha integrato e coretto il D.Lgs 81/08 sulla sicurezza.Abbiamo qui riportato alcuni articoli coordinati relativi al servizio di denuncia e verifiche degli apparecchi di sollevamento . 

 a- Evidenziamo la modifica dell’Art. 71 al comma 11 sulla prima verifica dell’ISPESL e le successive delle USL per le quali ci si dovrà coordinare da subito con i relativi funzionari pubblici secondo le nuove disposizioni.

I soggetti pubblici o privati indicati non sono ancora stati definiti ( al riguardo da tempo ci stiamo attrezzando con le certificazioni come Ente Privato e/o formazione come professionisti per rientrare nei futuri supponibili soggetti privati autorizzati regionali/nazionali ) . 

b- Nell’allegato VII  sono state inserite nuove attrezzature soggette alle denuncie ISPESL e successive verifiche periodiche da parte dell’USL / ARPA , quindi ditta dovrà verificare l’elenco delle seguenti attrezzature in suo. possesso, per regolarizzarne le pratiche: 

Carrelli semoventi  a braccio telescopico
Piattaforme di lavoro  autosollevanti su colonne
Ascensori e montacarichi da cantieri  con cabina/piattaforma guidata verticalmente

 

Possiamo fornire un servizio di consulenza e gestione delle pratiche, con modico compenso , per ogni zona dell’Italia, chiedendo di inviarci un elenco con :  

tipologia costruttore modello n. fabbrica Anno costruzione cantiere copia di un documento
             

 Chiaramente ci occupiamo anche delle altre attrezzature elencate nell’allegato VII . 

c-    Come si nota anche dagli articoli che si occupano della formazione, hanno dato un forte risalto anche all’addestramento.

Ricordiamo che siamo in grado di certificare la formazione e validare l’addestramento sull’uso delle attrezzature di sollevamento delle varie tipologie attraverso una Scuola di Formazione Accreditata come ente paritetico presso la Regione Emilia Romagna , in tutta Italia .

 Seguiranno ulteriori comunicazioni man mano che si sviluppa l’applicazione del nuovo decreto .

Rimaniamo a disposizione per ogni eventuale chiarificazione ed approfondimento.

 Cordiali Saluti .

Cento, lì  19 Agosto 2009 

La Direzione    contattaci 

  CLICK QUI per SEGUE ESTRATTO DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81       Aggiornato con

DECRETO LEGISLATIVO 3 agosto 2009, n. 106.

Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.       …..estratto …. 

 

 

** Che patente stradale occorre per poter usare un'autogru' da 50ton.


Gentile Utente,
la circolazione su strada pubblica e' regolata semplicemenete dal Codice della Strada .
Quindi visto che si va anche in base alla TARA DEL CAMION , SUPERANDO I 35 Q.LI CI VORRA' LA PATENTE C .
POI PER POTER UTILIZZARE L'AUTOGRU IN CANTIERE SI PASSA AL DECRETO UNICO SULLA SICUREZZA 81/08 , PER IL QUALE SERVE ESSERE FORMATI CON UN CORSO SPECIFCO.
La ns. Scuola di formazione lo ha gia’ testando con la Scuola Edile  e siamo pronti ad effettuarlo anche presso i Vs. cantieri.
Nota: Con la patente C è possibile guidare autoveicoli diversi da quelli che prevedono la patente D di massa massima autorizzata superiore a 3500 Kg
La patente D permette di condurre autoveicoli per il trasporto di persone (autobus) con un numero di posti a sedere, escluso il conducente, superiore a otto.

La Direzione

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL


Informazioni Profilo

Application afterLoad: 0.001 seconds, 0.29 MB
Application afterInitialise: 0.011 seconds, 1.32 MB
Application afterRoute: 0.013 seconds, 1.54 MB
Application afterDispatch: 0.041 seconds, 3.27 MB
Application afterRender: 0.066 seconds, 4.37 MB

Utilizzo Memoria

4652312

28 queries logged

  1. SELECT *
      FROM jos_session
      WHERE session_id = '1c9jhofau6fnd73od959ijls24'
  2. DELETE
      FROM jos_session
      WHERE ( time < '1558369979' )
  3. SELECT *
      FROM jos_session
      WHERE session_id = '1c9jhofau6fnd73od959ijls24'
  4. INSERT INTO `jos_session` ( `session_id`,`time`,`username`,`gid`,`guest`,`client_id` )
      VALUES ( '1c9jhofau6fnd73od959ijls24','1558370879','','0','1','0' )
  5. SELECT *
      FROM jos_components
      WHERE parent = 0
  6. SELECT folder AS type, element AS name, params
      FROM jos_plugins
      WHERE published >= 1
      AND access <= 0
      ORDER BY ordering
  7. SELECT m.*, c.`option` AS component
      FROM jos_menu AS m
      LEFT JOIN jos_components AS c
      ON m.componentid = c.id
      WHERE m.published = 1
      ORDER BY m.sublevel, m.parent, m.ordering
  8. SELECT template
      FROM jos_templates_menu
      WHERE client_id = 0
      AND (menuid = 0 OR menuid = 54)
      ORDER BY menuid DESC
      LIMIT 0, 1
  9. SELECT c.*, s.id AS sectionid, s.title AS sectiontitle, CASE WHEN CHAR_LENGTH(c.alias) THEN CONCAT_WS(":", c.id, c.alias) ELSE c.id END AS slug
      FROM jos_categories AS c
      INNER JOIN jos_sections AS s
      ON s.id = c.section
      WHERE c.id = 34
      LIMIT 0, 1
  10. SELECT cc.title AS category, a.id, a.title, a.alias, a.title_alias, a.introtext, a.fulltext, a.sectionid, a.state, a.catid, a.created, a.created_by, a.created_by_alias, a.modified, a.modified_by, a.checked_out, a.checked_out_time, a.publish_up, a.publish_down, a.attribs, a.hits, a.images, a.urls, a.ordering, a.metakey, a.metadesc, a.access, CASE WHEN CHAR_LENGTH(a.alias) THEN CONCAT_WS(":", a.id, a.alias) ELSE a.id END AS slug, CASE WHEN CHAR_LENGTH(cc.alias) THEN CONCAT_WS(":", cc.id, cc.alias) ELSE cc.id END AS catslug, CHAR_LENGTH( a.`fulltext` ) AS readmore, u.name AS author, u.usertype, g.name AS groups, u.email AS author_email
      FROM jos_content AS a
      LEFT JOIN jos_categories AS cc
      ON a.catid = cc.id
      LEFT JOIN jos_users AS u
      ON u.id = a.created_by
      LEFT JOIN jos_groups AS g
      ON a.access = g.id
      WHERE 1
      AND a.access <= 0
      AND a.catid = 34
      AND a.state = 1
      AND ( publish_up = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_up <= '2019-05-20 16:47:59' )
      AND ( publish_down = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_down >= '2019-05-20 16:47:59' )
      ORDER BY  a.ordering,  a.created DESC
      LIMIT 0, 9
  11. SELECT cc.title AS category, a.id, a.title, a.alias, a.title_alias, a.introtext, a.fulltext, a.sectionid, a.state, a.catid, a.created, a.created_by, a.created_by_alias, a.modified, a.modified_by, a.checked_out, a.checked_out_time, a.publish_up, a.publish_down, a.attribs, a.hits, a.images, a.urls, a.ordering, a.metakey, a.metadesc, a.access, CASE WHEN CHAR_LENGTH(a.alias) THEN CONCAT_WS(":", a.id, a.alias) ELSE a.id END AS slug, CASE WHEN CHAR_LENGTH(cc.alias) THEN CONCAT_WS(":", cc.id, cc.alias) ELSE cc.id END AS catslug, CHAR_LENGTH( a.`fulltext` ) AS readmore, u.name AS author, u.usertype, g.name AS groups, u.email AS author_email
      FROM jos_content AS a
      LEFT JOIN jos_categories AS cc
      ON a.catid = cc.id
      LEFT JOIN jos_users AS u
      ON u.id = a.created_by
      LEFT JOIN jos_groups AS g
      ON a.access = g.id
      WHERE 1
      AND a.access <= 0
      AND a.catid = 34
      AND a.state = 1
      AND ( publish_up = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_up <= '2019-05-20 16:47:59' )
      AND ( publish_down = '0000-00-00 00:00:00' OR publish_down >= '2019-05-20 16:47:59' )
      ORDER BY  a.ordering,  a.created DESC
  12. SELECT id, title, module, position, content, showtitle, control, params
      FROM jos_modules AS m
      LEFT JOIN jos_modules_menu AS mm
      ON mm.moduleid = m.id
      WHERE m.published = 1
      AND m.access <= 0
      AND m.client_id = 0
      AND ( mm.menuid = 54 OR mm.menuid = 0 )
      ORDER BY position, ordering
  13. SELECT parent, menutype, ordering
      FROM jos_menu
      WHERE id = 54
      LIMIT 1
  14. SELECT count(*)
      FROM jos_menu AS m

      WHERE menutype='mainmenu'
      AND published='1'
      AND access <= '0'
      AND parent=0
      AND ordering < 7
  15. SELECT *
      FROM jos_banner
      WHERE showBanner = 1
      AND (imptotal = 0 OR impmade < imptotal)
      AND cid = 1
      AND catid = 14
      ORDER BY sticky DESC, ordering
      LIMIT 0, 20
  16. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 21
  17. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 19
  18. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 9
  19. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 17
  20. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 12
  21. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 11
  22. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 16
  23. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 20
  24. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 15
  25. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 13
  26. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 10
  27. UPDATE jos_banner
      SET impmade = impmade + 1
      WHERE bid = 14
  28. SELECT a.*, CASE WHEN CHAR_LENGTH(a.alias) THEN CONCAT_WS(":", a.id, a.alias) ELSE a.id END AS slug, CASE WHEN CHAR_LENGTH(cc.alias) THEN CONCAT_WS(":", cc.id, cc.alias) ELSE cc.id END AS catslug
      FROM jos_content AS a
      INNER JOIN jos_categories AS cc
      ON cc.id = a.catid
      INNER JOIN jos_sections AS s
      ON s.id = a.sectionid
      WHERE a.state = 1 
      AND a.access <= 0
      AND cc.access <= 0
      AND s.access <= 0
      AND (a.publish_up = '0000-00-00 00:00:00' OR a.publish_up <= '2019-05-20 16:47:59' ) 
      AND (a.publish_down = '0000-00-00 00:00:00' OR a.publish_down >= '2019-05-20 16:47:59' )
      AND cc.id = 3
      AND cc.section = s.id
      AND cc.published = 1
      AND s.published = 1
      ORDER BY a.ordering

1 legacy queries logged

  1. SELECT m.*
      FROM jos_menu AS m

      WHERE menutype='mainmenu'
      AND published='1'
      AND access <= '0'

      ORDER BY parent,ordering

File Lingua caricati

Stringhe Diagnostica non tradotte

Nessuno

Stringhe Designer non tradotte

Nessuno